27 MARZO 2020

"Se cambio fornitore rischio il blackout?"

La risposta è “assolutamente no”, anche in quarantena.

Condividi
Copia link

In questi giorni è difficile pensare a qualcosa che non sia il COVID-19. Attività che fino a due mesi fa costituivano la normalità di molti di noi – fare la spesa, mangiare fuori, andare a correre… l’elenco completo richiederebbe un blog a parte – sono diventate inaccessibili, o si sono completamente trasformate. La testa tende a rimanere sintonizzata sul virus, ed è abbastanza umano rimandare ogni decisione non fondamentale a quando l’emergenza sarà finalmente superata.

Tra queste decisioni non fondamentali rientra, senz’altro, anche l’opportunità di passare a un altro fornitore. In un periodo in cui si è costretti a rimanere a casa, l’ultima cosa che vorremmo è rischiare di rimanere senza luce e gas. Ma la verità è che non c’è mai stato momento migliore per cercare una nuova offerta: la quarantena ci sta facendo consumare molta più energia del solito, cosa che si riflette (e si rifletterà) in un aumento delle bollette. Sottoscrivendo un’offerta più conveniente, a fine anno potresti risparmiare parecchi soldi, e questo non ti farà rimanere senza luce o gas neppure per un secondo: è semplicemente una cosa che non può succedere. Vediamo perché.

Questa famiglia ti dice di guardare sotto per scoprire la risposta

Cosa succede quando passi a un altro fornitore?

Succede che cambia il soggetto che ti vende l’energia. Questo non ha il minimo impatto sulla tua fornitura: il contatore rimane lo stesso, i cavi rimangono quelli, i tubi anche, i tralicci pure, e sugli impianti non vengono fatti lavori di alcun genere. Non è un discorso che riguarda soltanto noi, ma anche i nostri concorrenti. Nel mondo energy, infatti, il cambio di fornitura è per legge:

- gratuito;
- senza impegno; 
- senza interruzione del servizio;
- senza penali di abbandono (a differenza di quanto accade per internet);
- senza vincoli contrattuali.

Per essere ancora più schematici, ecco una tabella che illustra cosa cambia e cosa non cambia quando passi a un altro fornitore:

Una tabella che illustra cosa cambia e cosa no quando passi a un altro fornitore

Quindi, a patto di scegliere con attenzione, il passaggio può portare soprattutto cambiamenti positivi: se ad esempio avevi sottoscritto un’offerta con un prezzo bloccato solo per 12 o 24 mesi, cambiando potresti ottenere una tariffa più vantaggiosa. Se sei sensibile alle tematiche ambientali e il tuo fornitore acquista energia prodotta con combustibili fossili, puoi scegliere un’offerta green e ridurre la tua impronta ecologica. Se ne hai abbastanza delle bollette che sembrano scritte come i decreti-legge di questi giorni, puoi scegliere di dare i tuoi soldi a qualcuno che parla la tua stessa lingua.

Okay, questi vantaggi non li abbiamo scelti a caso – sono alcuni dei punti chiave della nostra offerta – ma il mercato dell’energia è grande, e ti consigliamo di esplorarlo in lungo e in largo fino a trovare il fornitore più giusto per te. A prescindere dalla tua scelta, le lampadine e i termosifoni continueranno a funzionare, perché cambiare fornitore di luce e gas non causa mai blackout o interruzioni della fornitura, né in condizioni normali né in questi momenti di quarantena.

Hai bisogno di aiuto?

Cerca tra le domande che ci fanno più spesso

Entra in contatto

Entrando in contatto confermi di aver letto la privacy policy.

Sentiamoci al telefono

Scegli un argomento e una fascia oraria: ti chiamiamo noi.

Contatta il tuo distributore

Ti darà assistenza per guasti, fughe di gas, blackout o interruzioni del servizio.

Perfetto!
Hai un guasto o un’emergenza?

Contatta il tuo distributore: ti darà assistenza per guasti, fughe di gas, blackout o interruzioni del servizio.

PDR POD Per il gas
Per la luce