02 FEBBRAIO 2021

Quanto consuma la lavastoviglie?

Non abbastanza da potervi rinunciare.

Condividi
Copia link

A differenza di molti elettrodomestici, la lavastoviglie non è solo un peso per il pianeta: secondo fonti autorevoli come il Washington Post comporta diversi vantaggi ambientali rispetto al lavaggio a mano. Usarla a pieno carico permette di risparmiare acqua, detersivo ed energia, per quanto non sia sempre semplice fare confronti, visto che ogni modello ha prestazioni differenti e che tutti laviamo a mano in maniera un po’ diversa. Premesso questo, è altrettanto vero che la lavastoviglie pulisce e igienizza i piatti attraverso il calore, e che per produrlo utilizza molta elettricità. Vediamo di capirci qualcosa di più.

Questo gatto ha problemi con la lavastoviglie

I parametri importanti 
 
Il primo è la dimensione. Possiamo suddividere i modelli sul mercato in tre tipologie:  
 
- le lavastoviglie mini, alte fino a 40 centimetri e con una capacità massima di 8 coperti; 
- quelle “slim”, cioè “sottili”, adatte a spazi piccoli ma non minuscoli, che raggiungono i 45 centimetri e i 10 coperti; 
- quelle standard, da 60 centimetri d’altezza e con una capienza che può arrivare a 16 coperti.  
 
Tutti questi modelli possono essere “a libera installazione”, cioè non integrate nella cucina, o “a incasso”, cioè coperte dal mobilio da tre o quattro lati. 
 
I due parametri influiscono sui consumi elettrici, insieme all’efficienza energetica: attualmente in commercio si trovano soprattutto lavastoviglie in classe A+, A++ e A+++, che sostanzialmente vanno a formare anche le tre fasce di prezzo principali. I modelli efficienti tendono a costare di più di “listino”, ma sul lungo periodo fanno risparmiare: questa tabella lo spiega in modo chiaro.

La tabella della classe energetica delle lavastoviglie

L’ultimo parametro da tenere in considerazione è il programma, che detta la temperatura dell’acqua e i tempi di lavaggio. Volendo fare una media, possiamo dire che una lavatrice consuma circa 2,5 kWh per utilizzo, ma i modelli di ultima generazione possono far scendere questa cifra anche a 1,2 kWh. Se poi si fanno due cicli di lavaggio brevi (30-45 minuti) e a basse temperature (non superiori ai 45°), i consumi crollano e si attestano intorno a 0,7 kWh.

Consigli di utilizzo 
 
La centralità della scelta del programma è la dimostrazione di un concetto che ripetiamo spesso: avere un elettrodomestico efficiente non è una buona scusa per disinteressarsi del modo in cui lo si usa. Ecco qualche suggerimento per risparmiare energia e ridurre il costo della lavastoviglie:

- usala sempre a pieno carico, per evitare di sprecare l'elettricità utilizzata per scaldare l’acqua (ma senza esagerare: non sovrapporre le stoviglie, o le dovrai lavare di nuovo;
- evita il prelavaggio, ricordandoti di eliminare i residui di cibo da tutto quello che poi andrà dentro la lavastoviglie (basta passarle con un foglio di carta da cucina);
- scegli il programma eco e apri la lavastoviglie non appena ha finito di lavare, così le stoviglie si asciugheranno senza utilizzare elettricità;
- pulisci bene il filtro e ogni due settimane ricorda di mettere il sale, in modo da rendere più difficile la formazione del calcare.

Hai bisogno di aiuto?

Cerca tra le domande che ci fanno più spesso

Entra in contatto

Entrando in contatto confermi di aver letto la privacy policy.

Sentiamoci

Ti telefoneremo noi. Se vorrai, passeremo a una videochiamata e potrai condividere lo schermo.

Compilando questi campi confermi di aver letto la privacy policy. Useremo il tuo numero e la tua email solo per metterci in contatto con te e non per altri scopi.

Contatta il tuo distributore

Ti darà assistenza per guasti, fughe di gas, blackout o interruzioni del servizio.

Perfetto!
Hai un guasto o un’emergenza?

Contatta il tuo distributore: ti darà assistenza per guasti, fughe di gas, blackout o interruzioni del servizio.

PDR POD Per il gas
Per la luce