17 MAGGIO 2021

Monoraria, bioraria o multioraria?

Come uscire vivi dalla giungla delle tariffe.

Condividi
Copia link

Molto spesso in questo blog ti parliamo di come fare a utilizzare meglio l’elettricità. Per consumare meno, oltre a prestare attenzione al modo in cui usi gli elettrodomestici e le luci, dovresti controllare che tipo di tariffa hai attiva con il tuo fornitore. Ne esistono tre tipi: la monoraria, la bioraria e la multioraria. Ogni fornitore può scegliere se operare basandosi su una o più di queste opzioni. Da quando è stato emanato il Decreto Bersani l’offerta si è diversificata, soprattutto se consideri che i fornitori possono decidere di bloccare il prezzo della materia energia o di lasciarlo soggetto alle fluttuazioni del mercato. Se vuoi, puoi fare un ripassino qui.

Ma torniamo alle tariffe: quale ti conviene di più? La risposta è sempre la stessa: dipende.  

Crediti @Bounce

“Da cosa?”

Prevalentemente da che vita fai. Senza voler entrare nel merito dei tuoi affari personali, quando scegli la tariffa della luce devi tener conto di quanto tempo passi a casa. L’ARERA (l’autorità che regola la qualità e le condizioni economiche dei settori di luce, gas e acqua) distingue tre fasce orarie di riferimento per chi fa parte del mercato libero:

  • la F1, che va dalle 8:00 alle 19:00 dal lunedì al venerdì, escluse le festività nazionali;

  • la F2, che va dalle 7:00 alle 8:00 e dalle 19:00 alle 23:00 dal lunedì al venerdì e dalle 7:00 alle 23:00 del sabato, festività nazionali escluse;

  • la F3, che va dalle 00.00 alle 07.00 e dalle 23.00 alle 00.00 dal lunedì al sabato e per tutto il giorno la domenica e i festivi.

Giusto per complicare le cose, esiste anche la F23: si tratta di una specie di “grande fascia” formata dall’unione tra la F2 e la F3.

Queste fasce contribuiscono a definire la tipologia di tariffa. 

Scopriamone di più

Scopriamo come

La tariffa monoraria ha un unico prezzo che si applica a tutti i consumi effettuati durante il giorno e nei weekend, senza tener conto delle fasce orarie.

La convenienza, qui, non è tanto nel prezzo quanto nella libertà di poter disporre dei propri consumi senza badare al tempo. Questo mette fine all’annosa questione “quando mi conviene fare la lavatrice?”: puoi farla quando ti pare, il prezzo non cambia. La tariffa monoraria conviene a chi fa un utilizzo diurno dell’energia abbastanza omogeneo. Mettiamo che arrivi una pandemia che ci costringa a rendere più fluide le nostre abitudini, incluso il tempo che passiamo in casa: la tariffa monoraria è quella che si adatta meglio a questo cambio di passo. 

La tariffa bioraria, invece, è formata da due prezzi differenti che si applicano a due fasce orarie, la F1 e la F23 (la “grande fascia” a cui abbiamo accennato). La F1 è la più cara: corrisponde al momento della giornata in cui le attività lavorative consumano maggiormente e questo rende necessario l’impiego di più impianti, con i costi che ne conseguono. Con questa tariffa la convenienza c’è, ma è limitata nel tempo: se riesci a concentrare buona parte dei tuoi consumi all’interno della F23 avrai certamente un risparmio, ma per farlo dovrai adattarti ad abitudini precise, come utilizzare certi elettrodomestici solo di sera. Inoltre, se sfori la fascia oraria, potresti giocarti tutto il risparmio accumulato. 

La tariffa multioraria funziona allo stesso modo della tariffa bioraria, con la differenza che tiene conto di prezzi diversi per ciascuna delle tre fasce di riferimento: F1, F2, F3 (l’ultima è la meno cara). È l’ideale se i tuoi consumi sono molto disomogenei nell’arco della settimana o se vivi più di notte che di giorno.

 

“E voi come vi regolate?”

Se sei già dei nostri sai che ci affidiamo alla tariffa monoraria. Se così non fosse ti spieghiamo perché lo facciamo: la nostra offerta si basa su una rata fissa che viene calcolata partendo dai consumi della tua bolletta. Da lì tiriamo giù il tuo consumo annuo e applichiamo il prezzo della nostra componente energia più le tasse, gli oneri di sistema e il canone RAI (se devi pagarlo): poi dividiamo tutto per 12 e otteniamo la tua rata fissa. Come diciamo spesso, però, non siamo un all you can eat: anche se paghi la stessa cifra ogni mese, siamo tenuti comunque a conteggiare e addebitarti i tuoi consumi. A fine anno, quindi, ricalcoliamo la tua rata aumentandola o diminuendola a seconda di quanta energia hai usato. Se per farlo ci affidassimo a un piano biorario o triorario, dovresti prestare più attenzione a quando accendi luci ed elettrodomestici: in parole povere dovresti pensare all’energia, ed è proprio quello che non vogliamo. La tariffa monoraria è quella che si adatta meglio alla nostra formula: zero pensieri e niente ronzio della lavatrice all’una di notte.

Hai bisogno di aiuto?

Cerca tra le domande che ci fanno più spesso

Entra in contatto

Entrando in contatto confermi di aver letto la privacy policy.

Sentiamoci

Ti telefoneremo noi. Se vorrai, passeremo a una videochiamata e potrai condividere lo schermo.

Compilando questi campi confermi di aver letto la privacy policy. Useremo il tuo numero e la tua email solo per metterci in contatto con te e non per altri scopi.

Contatta il tuo distributore

Ti darà assistenza per guasti, fughe di gas, blackout o interruzioni del servizio.

Perfetto!
Hai un guasto o un’emergenza?

Contatta il tuo distributore: ti darà assistenza per guasti, fughe di gas, blackout o interruzioni del servizio.

PDR POD Per il gas
Per la luce