23 GIUGNO 2020

Quanto consuma il ferro da stiro?

Un articolo di immensa utilità sociale.

Condividi
Copia link

Ora che la “fase 2” è entrata nel vivo, forse hai abbandonato pigiama e tuta di cotone per tornare a vestirti in maniera decente. Questo potrebbe aver significato tirare fuori dal ripostiglio il tuo ferro da stiro, uno degli elettrodomestici più polarizzanti della casa, di quelli che o lo ami o lo odi, alleato fondamentale per molti e male necessario per altrettanti. Okay: ma in tutto questo, quanto consuma?

Joseph Gordon Levitt si diverte con il ferro da stiro


Non siamo qui per vendere ferri da stiro

Non ci interessa fare pubblicità a questo o a quel marchio, né elencare per filo e per segno tutta la gamma dei modelli in commercio: diciamo quindi che la nostra analisi si baserà su un ferro da stiro medio, con una potenza massima assorbita di 2000 watt. Visto che abbiamo sparato il primo tecnicismo, ci facciamo perdonare subito spiegando di cosa si tratta. La potenza massima assorbita coincide con l’energia consumata dal ferro per arrivare alla massima potenza, e di solito questo accade quando si scalda per raggiungere la temperatura necessaria allo stiraggio. Una volta raggiunta la temperatura necessaria, la potenza impegnata del ferro da stiro inizia a ridursi, per poi stabilizzarsi attorno al 25-50% della potenza massima.

Se passi un ferro di questo tipo per un’ora, utilizzi circa 1 kWh di energia. Ogni fornitore del mercato libero applica prezzi diversi, ma visto che stiamo partendo da un valore indicativo, possiamo continuare: secondo Eurostat, nel 2019 l’Italia ha avuto un costo medio pari a 0,23 €/kWh (non solo della materia prima, attenzione: parliamo del costo complessivo per ogni kWh consumato). Quindi, se ipotizziamo due ore di ferro a settimana, il costo per avere camicie e lenzuola stirate equivale a circa 24 € l’anno, il 2% di quello che una famiglia italiana spende in media per l’elettricità. Ovviamente se il tuo ferro è molto vecchio, o se lo utilizzi per più tempo, le cose cambiano.

Una bellissima illustrazione di Andrey Kasay

Che fare?

Non parliamo di cifre insostenibili, ma ti resta comunque del margine di manovra. La prima opzione è non stirare: in NeN non costringiamo nessuno a portare la camicia, e questo permette a tutti di risparmiare molta energia. Il secondo consiglio, un po’ da Nonna Papera, è stendere meglio: sbatti bene i panni per dare loro la forma originale, e usa le grucce (anche dette stampelle, ometti, appendiabiti: dipende da dove abiti). Quando ti metterai a stirare, noterai la differenza. Il terzo e ultimo, è di usare il ferro con intelligenza: hai davvero bisogno di stirare le calze e le mutande?

Hai bisogno di aiuto?

Cerca tra le domande che ci fanno più spesso

Entra in contatto

Entrando in contatto confermi di aver letto la privacy policy.

Sentiamoci al telefono

Scegli un argomento e una fascia oraria: ti chiamiamo noi.

Contatta il tuo distributore

Ti darà assistenza per guasti, fughe di gas, blackout o interruzioni del servizio.

Perfetto!
Hai un guasto o un’emergenza?

Contatta il tuo distributore: ti darà assistenza per guasti, fughe di gas, blackout o interruzioni del servizio.

PDR POD Per il gas
Per la luce